Festival dell'Economia di Trento 2018

Tentori: Festival Economia, sguardo sul futuro

Si rivolge ai giovani Roberto Tentori ai microfoni di Askanews, al Festival dell'economia di Trento "per il loro futuro suggerimenti utili".

Trento (askanews) - Docenti, economisti, premi Nobel per un totale di 218 relatori, provenienti da tutto il modo, hanno dato vita a Trento alla tredicesima edizione del Festival dell'Economia, articolato inoltre 100 eventi in quattro giorni. Tra i protagonisti del Festival anche Grant Thornton, la società di revisione ed organizzazione contabile che per il secondo anno consecutivo ha accettato l'invito ad affiancare come partner l'organizzazione. "Mi ha veramente colpito come questo evento abbia una matrice più culturale che commerciale. Credo che sia una iniziativa assolutamente "elitaria", di altissimo livello qualitativo per quanto riguarda i relatori e gli argomenti affrontati, ma con una presenza popolare, nel senso buono della parola, aperto a tutto il mondo - dice Roberto H. Tentori, presidente di Grant Thornton Consultants - Credo che i giovani, per il loro futuro, da queste riunioni, da questi incontri possono apprendere idee, suggerimenti, per loro molto utili".

Tema dell'edizione 2018 del Festival dell'Economia è l'interazione tra "Lavoro e Tecnologia" e i numerosi interrogativi che questa pone; ambito sul quale Grant Thornton ha un punto di osservazione prezioso, grazie alla sua presenza in 140 Paesi dove affianca le imprese negli ambiti più delicati della vita aziendale.

"E' molto facile che questa nuova tecnologia crei posti di lavoro ma aumenti le diseguaglianze. - spiega Tentori - E purtroppo ci sarà una concentrazione di ricchezza in pochi players. Ma il mondo si autoregolamenta e ci sarà un sindacato molto più moderno che farà in modo che ci siano delle relazioni sindacali moderne con queste nuove realtà aziendali".

Altro fattore strategico per rendere l'impatto delle tecnologie sempre più positivo e non critico sul mondo del lavoro, è la formazione; che deve però rispondere in modo preciso alle esigenze delle aziende. "La formazione è fondamentale, bisogna formarsi durante, prima, dopo. E avere sempre l'opportunità di confrontarsi e di capire esattamente che cosa deve essere fatto per potersi reintrodurre nel sistema che è un sistema dinamico e non più statico - dice Alessandro Dragonetti, co-managing partner di Bernoni Grant Thornton - Il sistema scolastico ha fatto tanto e tanto ancora deve fare. Ma per fare quel passo in più lo deve fare con il supporto delle imprese che devono dire esattamente cosa vogliono in modo tale che scuola possa cambiare ma in modo allineato a quello che le imprese vogliono".

Il Network Grant Thornton, in Italia presente con 400 persone e 18 uffici, prevede un progressivo rafforzamento nelle diverse regioni del Nord Italia, potenziando l'organico professionale con giovani che abbiano maturato adeguata esperienza nell'audit, nella consulenza e nei servizi Tax.

Roberto Tentori Festival Trento